Ambiente · 23 maggio 2018
La diagnosi e la terapia vanno affrontate nell’ottica del problema bambino-ambiente, l’intervento infantile impostato in un’ottica centrata esclusivamente sul bambino ha fatto il suo tempo dal punto di vista scientifico, ma purtroppo ancora troppo disatteso nell’applicazione pratica.
Educazione · 16 maggio 2018
La diagnosi e la terapia vanno affrontate nell’ottica del problema bambino-ambiente, l’intervento infantile impostato in un’ottica centrata esclusivamente sul bambino ha fatto il suo tempo dal punto di vista scientifico (Bowoby, Greenspan, Siegel, Stern, Cramer, Palacio-Espasa e tanti altri), ma purtroppo ancora troppo disatteso nell’applicazione pratica.
Evoluzione · 26 aprile 2018
La valutazione delle capacità organizzative motorie deve tenere in considerazione una serie di azioni e non su un solo atto
Ambiente · 18 aprile 2018
La conoscenza della storia delle diverse società e relativi usi, costumi, regole e modalità di vita ha apportato importanti informazioni sulla frequente contrapposizione tra la naturale spinta evolutiva del bambino e le richieste dell’adulto a un adattamento comportamentale spesso previsto per fini troppo in antitesi alle esigenze evolutive del bambino
Ambiente · 04 aprile 2018
Molti antropologi ritengono che la famiglia nucleare (madre, padre e figli) costituisca la microunità sociale che rappresenta essenzialmente tutto il mondo del bambino piccolo e ponte fondamentale di collegamento alla società allargata.
Evoluzione · 27 marzo 2018
Nella evoluzione normale le competenze che assumono un valore biologico di base, caratteristico per la razza umana, vengono acquisite nei primi tre anni, in seguito le competenze procederanno, ma sempre sui valori biologici già acquisiti (dal libro "Psicomotricità" di Roberto C. Russo, in pubblicazione ad aprile 2018)
Ambiente · 20 marzo 2018
L’analisi dei fattori d’influsso ambientale sui modelli familiari e sociali, conferma la complessità di questo progetto di valutazione. Va subito premesso che, pur prestando notevole attenzione nell’individuare le caratteristiche dei modelli educativi, il risultato della loro azione può presentare diverse variabili da analizzare
Ambiente · 14 marzo 2018
Il bambino, in qualità di essere biologico, necessita e si esprime tramite funzioni a diversi livelli di complessità. Il livello più primitivo è la necessità del nutrimento, del riposo e del riparo essenziali per la sopravvivenza; un altro livello è rappresentato dal movimento che realizza nel binomio dipendenza-indipendenza la ricerca dell’autonomia, la conquista del territorio e degli oggetti, la difesa del Sé e del posseduto...
Educazione · 28 febbraio 2018
Nei servizi di neuropsichiatria infantile frequentemente risulta difficile agganciare in modo sufficientemente adeguato le figure genitoriali per sensibilizzarle ad iniziare una terapia per il bambino e un supporto genitoriale relativo ai problemi della sfera educativa, cognitivi e relazionali. Spesso assistiamo a precoci abbandoni o ad una disponibilità formale che non riesce ad evolvere verso una più profonda e sentita partecipazione.
patologie · 21 febbraio 2018
A questo gruppo appartengono tutte quelle forme in cui il nucleo patogenetico, agente nei primi tre anni di vita, è costituito da una grave problematica relazionale sostenuta da inadeguati modelli di riferimento o da fattori organici o disfunzionali che condizionano una difficoltà da parte dei modelli (anche potenzialmente adeguati) di rapportarsi alle caratteristiche neurobiologiche che si differenziano da una norma evolutiva.

Mostra altro