Prassie, Lateralizzazione, Grafia

impostazione innovativa per prevenzione, valutazione e terapia

30 - 31 maggio 2020

L’acquisizione delle prassie è preceduta da una organizzazione motoria che richiede una serie di competenze, senza le quali il processo evolutivo non può accedere al livello prassico. Per tale motivo risulta fondamentale conoscere in modo approfondito alcune specifiche competenze motorie di base prima di accingersi a valutare le prassie. Questo è l’obiettivo del corso al fine di una corretta valutazione e relativa impostazione terapeutica. 

 

La lateralizzazione è un processo complesso, a impronta genetica, che si realizza in modo esperienziale. Le difficoltà evolutive della lateralizzazione hanno possibili ripercussioni sugli apprendimenti. Le tre problematiche principali sono rappresentate dal ritardo della acquisizione, dal conflitto tra il genotipo e il fenotipo e dal condizionamento ambientale. La possibilità di valutare questi aspetti può prevenire lo strutturarsi di alcune importanti carenze motorie, cognitive e relazionali. Diffusa è la disattenzione per questo fondamentale processo.

 

La grafia oltre alla capacità di controllo grafo-motorio, richiede una serie di adattamenti posturo-cinetici necessari per facilitarne la realizzazione. Questi adattamenti sono troppo spesso disattesi sia nell’ambito familiare (per carenza di competenza) sia nell’ambito scolastico (per carenza di formazione). Conoscere queste necessità aiuta il bambino a procedere adeguatamente limitando o escludendo disturbi consequenziali che si riflettono sugli apprendimenti e sulla relazione.

Programma

Prima giornata

Prassie e Disprassie

Ore 9,00 - 10,00 

Processi evolutivi per lo sviluppo del movimento.

Ore 10,00 – 10,30

Partecipazione dell’emozionalità all'atto motorio

Ore 10,30 - 11,00

Variabilità dei disturbi dell'atto motorio e disfunzioni correlate

Ore 11,00 - 12,00. 

Prassie: basi neurofisiologiche, caratteristiche funzionali e variabili individuali.

Ore 12,00 - 12,30

Riflessioni e discussione.

Ore 12,30 – 13-30 Intervallo

Ore 13,30 – 14,30

Definizione di disprassia da parte di alcuni autori.

Classificazione in uso delle disprassie

Ore 14,30 – 15,00

Diversa modalità di approccio valutativo delle competenze prassiche 

Ore 15,00 - 17,00

Video e analisi di 9 bambini disprassici 

Ore 17,00 – 17,30

Intervento terapeutico nelle disprassie

Ore 17,30 – 18,00

Riflessioni e discussione sulle prassie e disprassie

Docente

Prof. Roberto Carlo Russo

Neuropsichiatra Infantile e Psicoterapeuta

Modalità Iscrizioni

Crediti ECM  18,1 per: Medici, TNPEE, Psicologi, Logopedisti, Educatore professionale, Terapisti della Riabilitazione,  Psicomotricisti (16 crediti F.I.Sc.O.P.) 

 

Costo € 200,00 + iva (= € 244,00) 

 

Massimo 15 partecipanti.

L'attivazione del seminario è subordinata alla iscrizione di un minimo di 10 partecipanti; in caso contrario la Direzione si riserva di comunicare la sospensione al più presto e verrà rimborsato solo la quota già versata. 

Sede del Corso: CSPPNI s.r.l. Viale Marche, 93 - Milano  

Per le iscrizioni rivolgersi a Intervision Italia al 02316790 o formazione@intervisionitalia.com

 

Seconda giornata

Processo di Laterizzazione

Ore 09,00 - 09,15

Basi biologiche della lateralizzazione nel mondo animale.

Ore 09,15 – 09,45

Importanza della visione nel processo di lateralizzazione

Ore 09,45 - 10,15

Lateralizzazione visiva nella specie umana e 

Interdipendenza tra lateralizzazione cerebrale e lateralizzazione somatica

Ore 10,15 - 10,30

Espressività della lateralità congenita e acquisita e importanza in rapporto ai segmenti corporei.

Indagine della espressività dominate destra e sinistra in 800 casi dai 3 agli 11 anni. 

Indagine della impronta genetica destra e sinistra in 146 bambini dagli 8 ai 16 mesi.

Ore 10,30 – 11,30

Patologia del processo di lateralizzazione

Intervento terapeutico nelle dislateralizzazioni

Ore 11,30 – 12,00

Confronto/dibattito sul processo di lateralizzazione

Ore 12,30 – 13-30 Intervallo

ORGANIZZAZIONE DELLE COMPETENZE GRAFICHE

Ore 13,30 – 13,45

La rappresentazione grafica è una attività comunicativa

Ore 13,45 - 14,45

Significato del disegno e sua evoluzione nel bambino

Ore 14,45 - 15,00

Scrittura apprendimento ed evoluzione

Ore 15,00- 16,00

Disgrafie: tipi ed evoluzione (analisi grafiche)

Ore 16,00 – 16,45

Analisi delle condizioni somatiche e spaziali per un approccio corretto alla realizzazione grafica.

Problemi in atto e a distanza derivanti da posture scorrette. 

Ore 16,45 – 17,15

Ricerca, in un campione di 1050 casi, sulle correlazioni tra disprassie, dislateralizzazioni e disgrafie in 155 bambini. 

Ore 17,15 - 17,45

Discussione e riflessioni sulle connessioni e interdipendenza tra prassia, lateralizzazione e grafia.

Intervento terapeutico.

Orte 17,45 – 18,00

Verifica per ECM